Cosa è l’RTP delle slot machine?

La percentuale di RTP di una slot machine è una delle caratteristiche più importanti da prendere in considerazione prima di scommettere. L’acronimo RTP sta per “Return to Player”, che in italiano vuol dire letteralmente “Ritorno al Giocatore”, e ci dice quanto sia redditizia una slot.

Come diciamo sempre su Slotjava.it, il miglior modo per vedere come funziona una slot è quello di provarla gratuitamente. Ecco perché sul nostro sito troverai uno dei cataloghi più completi di slot machine in italiano di alta qualità e gratuite, insieme a molte informazioni utili per ottenere il massimo delle prestazioni durante le tue partite.

Se ti piace giocare in modo più empirico, sul nostro sito trovi un decalogo completo sul funzionamento delle slot machine e delle slot disponibili nei casinò online italiani. Questo decalogo comprende temi come la volatilità, i software RNG, i consigli su come ottimizzare le proprie giocate e pesino un indice di slot ordinate in base al loro RTP.

Cosa significa RTP in una slot?

Quando si cercano informazioni su una slot, la percentuale di RTP è uno dei primi che si trovano. Come probabilmente già saprai e come abbiamo ricordato all’inizio dell’articolo, l’RTP è il tasso di rendimento di un gioco. Per caso non sai cosa significa esattamente questo numero? Sei fortunato! Infatti, in questo articolo ti spieghiamo passo per passo che cos’è, come viene calcolato e perché è così importante.

In realtà, per capire cosa significa RTP basta un semplice esempio.

Immagina di aver puntato 100 monete in una sessione di gioco. Se l’RTP della slot è del 95%, la statistica dice che la cosa più probabile è che quando il gioco finisce ci sono ancora 95 monete.

Abbiamo fatto un esempio con piccoli numeri (solo 100 monete giocate) ma l’RTP viene calcolato su numeri molto più grandi, prendendo in considerazione le giocate di tutti i giocatori che giocano alla stessa slot in un determinato periodo.

Da cosa dipende la soddisfazione di un RTP

L’RTP è un dato teorico. Ovviamente, il risultato di ogni partita è diverso: ci saranno giocatori che con 100 gettoni giocati avranno ancora a disposizione meno di 95 gettoni (o molto meno), così come ci saranno giocatori che sempre con gli stessi 100 gettoni avranno a disposizione più di 95 gettoni (o molto di più).

Se ci pensi bene, se l’RTP venisse sempre soddisfatto, nessuno vincerebbe mai giocando alle slot (tutti otterrebbero 5 e quindi perderebbero tutti un po’). Scommettere non sarebbe più emozionante poiché sapresti in anticipo cosa succederà.

Fortunatamente, in tutti i giochi da casinò la fortuna può far cambiare tutto. Dato che ogni partita è diversa, il risultato finale non può essere mai esattamente lo stesso. Vediamo come viene calcolato l’RTP e quali fattori intervengono in modo tale che alla fine di una sessione di gioco i tuoi conti tornino.

Leggi in vigore e regole non scritte sull’RTP

Non ho ancora menzionato il fatto che per quanto riguarda l’RTP, gli operatori italiani sono obbligati a segnalarlo in tutti i giochi che offrono. Qui ci siamo concentrati sugli RTP delle slot, ma in realtà tutti i giochi da casinò hanno il proprio RTP. Ma chi è il responsabile del calcolo e della verifica che tale dato corrisponda alla realtà?

Ovviamente, più alto è l’RTP di un gioco, più è attraente per i giocatori. Allo stesso modo, se un operatore offre dei giochi con RTP basso, in linea di principio il suo guadagno sarà più alto ma alla lunga i giocatori potrebbero finire per stancarsi e cambiare casinò (o provider).

Questa è la ragione per cui il calcolo dell’RTP è qualcosa non dovrebbe essere fatta alla leggera, perciò i fornitori di software per le slot machine prendono in considerazione l’equilibrio tra gli interessi dei giocatori e quelli del casinò. Il segreto per soddisfare entrambe le parti è quello di creare giochi entusiasmanti, con un RTP che si avvicina al 100%, ma restando sempre al di sotto di questa percentuale. Ciò nonostante, capita che alcuni giochi, tra cui alcune slot, sfondino addirittura tale percentuale, nei conti sui dati effettivi relativi a determinati periodi.

Come viene calcolata la percentuale di ritorno teorico per il giocatore?

Calcolare la percentuale esatta di RTP di un gioco è relativamente semplice: basta una serie significativa di sessioni di gioco, abbastanza lunghe da attivare tutti i giochi bonus e le funzionalità extra della slot.

L’RTP generale per tale slot sarà il risultato della media di tutti i risultati ottenuti in ciascuno dei giochi. Le partite per il calcolo dell’RTP vengono giocate esattamente come quando si scommette per soldi veri e con le seguenti modalità:

  1. La versione del gioco è la stessa di quando si gioca con denaro reale da qualsiasi dispositivo.
  2. Viene selezionata la puntata massima.
  3. Vengono attivate tutte le linee di pagamento o le varie combinazioni disponibili.
  4. Si prende in considerazione il gioco su un lungo periodo

In sintesi, il risultato di questa ricerca statistica è un numero che ti dice quanto si vince quando si gioca mettendo tutte la carne sul fuoco e per un lungo periodo di tempo. Ecco perché si  trovano spesso testi che parlano di “RTP Massimo”.

Tuttavia, la verità è che non si può giocare sempre in questo modo. Cosa succede, infatti, se non si attivano tutte le linee di pagamento? Cosa succede se non si attiva la puntata massima per giro? In questi casi, la percentuale di RTP è diversa e in generale più bassa. E’ per questo che in alcuni paesi hanno iniziato a richiedere che la percentuale di RTP venga espressa in diverse categorie, piuttosto che in numeri assoluti.

Forse hai trovato delle slot in cui l’RTP indicato è compreso tra il 92,6% e il 96,4%. Ciò significa che se giochi per un breve periodo o in un gioco limitato al gioco base, l’RTP sarà del 92,6%, ma se prolunghi la sessione abbastanza a lungo da beneficiare di tutti i bonus di mini giochi, simboli speciali e la gamma completa delle funzioni della slot, la media salirà al 96,4%.

Perché la percentuale di RTP è affidabile

Quando un’azienda come Playtech o Netent sviluppa una nuova slot, dall’inizio hanno già ben chiaro in mente quale sarà l’RTP del gioco. Queste aziende sono dotate di veri e propri laboratori statistici, al fine di fornire il proprio software di un RTP preciso, che poi indicano agli operatori (i casinò) nel momento in cui vendono il proprio gioco.

Tuttavia, se giochi in giurisdizioni regolamentate (come in Italia con l’Agenzia delle Dogane che ha inglobato l’AAMS), puoi stare sicuro che l’RTP dei giochi e altri aspetti come l’operatività dei tuoi RNG saranno stati verificati da almeno un laboratorio indipendente del marchio che lo ha creato e del casinò che mette a disposizione il gioco.

Si tratta di aziende internazionali dedicate specificamente a questo lavoro. Tra queste vi sono: GLI, BMM, TestLabs, Trisigma Q3 ed altre. Queste aziende testano i giochi verificando che le loro caratteristiche siano conformi a tutto il necessario per essere considerati giochi d’azzardo in regola e legali.

Il prossimo passo per vedere se le caratteristiche delle slot machine siano vere e conformi alle regole di ciascuna giurisdizione, dipende dalla gestione di ciascun paese. E in quei luoghi in cui non esiste un’istituzione governativa dedicata alla regolamentazione del gioco, i responsabili di questa procedura sono i rispettivi “Gaming Council”.

Come calcolare il “Vantaggio del Banco”

In opposizione all’RTP c’è il vantaggio del banco, ovvero la percentuale teorica che il giocatore perde in media. Non prendiamoci in giro: l’RTP è espresso in modo tale che il risultato dopo la puntata sia positivo per il giocatore, cioè ti dice i soldi che stai per recuperare. Tuttavia, come avrai notato, è sempre inferiore all’importo iniziale che hai scommesso.

Non perdere la testa, perché non ci sono giochi con un RTP teorico uguale o superiore al 100%.Ciò significherebbe che il casinò offre un gioco in cui perde più di guadagnare ma sfortunatamente nessuno regala dei soldi al giorno d’oggi.

Se capovolgiamo l’RTP otteniamo la cifra corrispondente a ciò che è noto come il “vantaggio del banco” o “margine del banco”. Calcolare il vantaggio del banco dall’RTP è molto semplice: per una slot con RTP pari al 95%, il margine del banco è del 5% (100-95). Non dovresti mai dimenticare che questa cifra è valida solo per le condizioni di gioco ideali (le cinque condizioni che abbiamo visto in precedenza).

Ad esempio, alcuni giochi come il Blackjack hanno un RTP vicino al 100% se si gioca con una strategia ideale. Lo stesso accade per la roulette francese, che avendo uno zero singolo riduce il vantaggio del banco rispetto alla roulette americana che invece ha il doppio zero.

Perché l’RTP è importante?

Dopo aver letto i paragrafi precedenti potresti essere tentato di non prendere più in considerazione la percentuale RTP dei giochi, preferendo di lanciarti intuitivamente per tentare la fortuna senza ulteriori indugi. E’ vero che sebbene sia calcolata in modo scientifico, la percentuale di RTP predice solo ciò che potrebbe accedere (in modo probabilistico) nel lungo termine e giocando in un determinato modo.

Indipendentemente da questo fatto, il Return to Player è importante poiché di consente di sapere cosa puoi aspettarti da un gioco:

  1. Solo quando conosci la percentuale di RTP puoi avere delle aspettative realistiche sulle tue possibilità di vincere contro il vantaggio del banco.
  2. Se si è conoscenza del modo in cui viene calcolato l’RTP di una slot machine, è possibile riprodurre queste condizioni durante le sessioni gratuite.
  3. Anche se giochi solo per provare l’emozione della fortuna, le tue sessioni potrebbero essere ancora più entusiasmanti e anche più redditizie, se scegli le slot con RTP più favorevole.

Giochi con RTP alto per incassare un bonus più velocemente

L’RTP dei giochi da casinò online è di fondamentale importanza non solo quando giochi, ma anche quando ricevi un bonus per giocare. Come probabilmente già saprai, per trasformare un bonus in denaro reale e poterlo prelevare, occorre soddisfare un requisito di puntate. Tutti i bonus presentano un requisito di scommesse, il cosiddetto rollover.

Il rollover è il numero di volte per cui devi scommettere il denaro bonus se vuoi incassare le vincite che ottieni giocandolo. Ad esempio, se un bonus di 10€ ha un rollover di 40, significa che devi giocare fin quando non avrai scommesso 400€, al fine di poterlo prelevare.

Per aggiungere un po’ di difficoltà, molti casinò scelgono di nascondere i giochi con RTP più alto, oppure degradano il loro calcolo. Inoltre, per raggiungere il requisito di scommesse richiesto non è possibile scommettere su puntate semplici come rosso/nero o pari/dispari sulla roulette, oppure su giochi come il blackjack che vengono scartati o contribuiscono solo al 50% (o anche meno). Se prendiamo l’esempio di prima, anziché giocare 400€ dovresti giocare 800€ o più, per poter trasformare il bonus in denaro reale prelevabile.

L’importanza dell’RTP delle slot machine sta proprio in questo: generalmente contribuiscono al 100% perciò consentono di soddisfare più velocemente e completamente il requisito di puntate richiesto dal casinò.

Prima di scommettere il bonus, comunque sia, dovresti sempre controllare i Termini e le Condizioni per assicurarti che la slot che hai scelto non sia stata svalutata dall’operatore oppure addirittura esclusa (perché magari ha un RTP alto e ti consentirebbe di  trasformare il bonus senza problemi).

Un RTP alto è sempre una cosa positiva?

In generale, riteniamo che un RTP accettabile sia pari al 95%. Quando è superiore al 96% si può considerare buono e al di sopra del 96,5% molto buono. Ma siamo certi che le slot e altri giochi con RTP più bassi vadano scartati?

A prima vista, è logico pensare che più alto sia l’RTP di un gioco da casinò, più alte siano le probabilità di vincere per il giocatore. E in linea di principio questo è vero, anche se in realtà vi sono alcune sfumature da considerare.

Per questo, occorre approfondire, poiché l’RTP non è l’unica cosa che dovrebbe influenzare la scelta di un gioco nell’ottica dell’incasso del bonus. Altri fattori da considerare sono la volatilità (varianza), che è direttamente correlata al rischio che si corre su ogni scommessa e le possibilità di ottenere delle vincite. Per riscattare il bonus, ovvero per trasformarlo in denaro reale soddisfacendo i requisiti di puntata richiesti, i giochi con una percentuale di volatilità inferiore alla media hanno maggiore successo.

Trucchi per ottenere il massimo dall’RTP di un gioco

In conclusione, speriamo che le informazioni sull’RTP contenute in questo articolo ti saranno utili nella tua prossima esperienza di gioco nel casinò. Ti salutiamo con cinque suggerimenti che riassumono tutto ciò che serve per ottenere il massimo dalle slot, in base all’RTP:

  1. Studia le caratteristiche di una slot prima di giocarci: RTP, volatilità, giochi bonus e simboli speciali sono importanti.
  2. Ricorda che l’RTP massimo viene calcolato in base a sessioni lunghe, scommettendo l’importo massimo disponibile (puntata massima ad ogni giro) e con tutte le linee di pagamento attive.
  3. Il tema di una slot è importante ma anche i risultati del gioco lo sono. Se sei uno di quelli che vogliono ottenere risultati in fretta, seleziona una slot a bassa volatilità (paga più frequentemente ma con premi mediamente più bassi). Se hai la pazienza e le risorse per aspettare che arrivino i grandi premi, dovresti invece optare per una slot a volatilità elevata (che quando paga offre mediamente premi più alti).
  4. Scegli sempre le slot adatte alle tue esigenze. Se non disponi di una grande quantità di gettoni, sarebbe meglio scegliere delle slot che consenta di abbassare di molto la puntata minima e di ridurre le linee di pagamento, disattivandole manualmente.
  5. Non lasciare mai una sessione di gioco fin quando non avrai attivato tutti i bonus, poiché questi rappresentano le fasi di gioco che aumentano le tue possibilità di vincita.
  6. Quando usi un gioco per riscattare il denaro bonus e il rollover è a 30, le migliori slot sono quelle con un Return To Player del 96,5%. Tuttavia, se il rollover è di 40 o più, assicurati di scegliere solo le slot con un RTP di almeno 97,5%.